News dal territorio

Sottoscritto a Lecce il nuovo contratto integrativo provinciale di lavoro per i...
“Con una diminuzione del -4,9% nel 2017 la Puglia è in controtendenza rispetto...
Continua a Brindisi lo stato di agitazione dei lavoratori che fanno capo alle...
È stata firmata a Bari tra l’assessore regionale alla Pianificazione...
“Eppur si muove”: la crisi non è passata, la risalita è lenta e faticosa ma c’è...
Feneal-UIL - Bari
P.zza G. Garibaldi, 27
Bari, BA, 70122
Tel 080/5233822
Fax 080/5244976
bari@fenealuil.it
Segretario Responsabile
Salvatore Bevilacqua
27/07/2018
È stata firmata a Bari tra l’assessore regionale alla Pianificazione Territoriale, Alfonso Pisicchio, e l’assessore comunale all’Urbanistica, Carla Tedesco, la Convezione tra Regione Puglia e Comune di Bari per la sperimentazione della gestione...
Feneal-UIL - Brindisi
Corso Umberto I, 95
Brindisi, BR, 72100
Tel 0831/563371
Tel 0831/523572 - 3
Fax 0831/563371
Fax 0831/564252 brindisi@fenealuil.it
Segretario Responsabile
Giovanni Librando


25/08/2018
Continua a Brindisi lo stato di agitazione dei lavoratori che fanno capo alle aziende Coedir e Conscoop. Lo annunciano in una nota i segretari territoriali di Feneal Uil (Giovanni Librando), Filca Cisl (Cosimino De Milito) e Fillea Cgil (Rita...
Feneal-UIL - Foggia
Via della Repubblica, 54
Foggia, FG, 71100
Tel 0881/776976
Fax 0881/776976
foggia@fenealuil.it
Segretario Responsabile
Alessandro Scarpiello


18/04/2018
“Con una diminuzione del -4,9% nel 2017 la Puglia è in controtendenza rispetto alla media del Sud, che vede un incremento del +7,21 %”. Lo afferma Juri Galasso, segretario generale FenealUil Foggia commentando i dati “Open data Inail”. “Tuttavia non...
Feneal-UIL - Taranto
Via Dario Lupo, 48
Taranto, TA, 74100
Tel 099/7305168
Fax 099/7323662
taranto@fenealuil.it

22/12/2018
“Eppur si muove”: la crisi non è passata, la risalita è lenta e faticosa ma c’è. Giovanni Librando, responsabile territoriale della Feneal Taranto, inquadra così il 2018 che sta volando via e traccia un bilancio di quanto accaduto in questi 12 mesi...
Feneal-UIL - Lecce
Via Ugo Foscolo, 4
Lecce, LE, 73100
Tel 0832/394860
Fax 0832/394860
lecce@fenealuil.it
Segretario Responsabile
Paola Esposito
21/06/2018
E’ la Feneal Uil la prima sigla sindacale suffragata nelle elezioni delle R.S.U. della ditta Colacem S.p.A. di Galatina. In particolare, Giampiero Verardi è risultato il primo degli eletti con 20 voti all’attivo, davanti ai rappresnetanti di Filca...

News regionali

08/01/2019
Il 15 marzo a Roma 10 mila lavoratori delle costruzioni manifesteranno per chiedere il rilancio del settore, che dall’inizio della crisi ha perso 600 mila posti di lavoro e 120 mila aziende. La manifestazione, che sarà il culmine di una serie di iniziative che si terranno in tutta Italia già a partire dalle prossime ore, è stata annunciata dai sindacati FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, in una conferenza stampa nei cantieri della Metro C di Roma. “Nelle aziende, nei cantieri, nei territori – hanno detto ai giornalisti i segretari generali delle tre sigle, Vito Panzarella, Franco Turri, Alessandro Genovesi – incontreremo i lavoratori delle costruzioni per confrontarci sul futuro del settore, che rischia davvero di scomparire senza investimenti, una programmazione e una politica industriale per la creazione di lavoro, e in assenza di interventi per la messa in sicurezza del territorio e degli edifici pubblici e privati. Inoltre chiederemo incontri ai prefetti ed alle istituzioni locali e proporremo a livello nazionale l’istituzione di un tavolo per una strategia di rilancio e di riqualificazione del settore”. Tra le altre proposte dei sindacati ci sono un nuovo piano di investimenti, il completamento di tutte le opere avviate e l’avvio di quelle per le quali ci sono risorse, l’istituzione di un Fondo nazionale di garanzia creditizia, interventi mirati sul sistema bancario nazionale, investimenti sulla qualificazione delle stazioni appaltanti, una revisione mirata del Codice Appalti, la messa in campo di nuove misure per le politiche abitative, il potenziamento del...
06/01/2019
Antonio Guida è il nuovo segretario territoriale della Feneal Uil di Taranto E’ stato eletto al termine del Congresso straordinario Costituente tenutosi nel capoluogo jonico lo scorso29 dicembre. Con lui sono stati eletti anche i nuovi organismi della Federazione Territoriale di Taranto. Nella sua relazione Guida ha innanzitutto ricostruito il percorso “breve ma intenso e fruttuoso” che ha portato Taranto a riavere una sua autonomia dopo la positiva esperienza dell’accorpamento con Brindisi. “La Feneal Uil di Taranto – ha detto il neosegretario – esce da questa importante esperienza di unificazione più forte e con maggiore qualità e questo lo dimostrano i tanti consensi ottenuti tra i lavoratori. Questi consensi premiano il nostro lavoro quotidiano e la bontà delle nostre azioni di politica sindacale e di relazioni industriali”. Nel ringraziare gli organismi nazionali, regionali e dei territori della Feneal e della Uil, Guida ha ricordato le tappe fondamentali del percorso: “Quella di oggi – ha detto – è la tappa conclusiva di un percorso che è iniziato nel 2016 quando il gruppo dirigente delle Strutture di Brindisi e Taranto decisero di ricercare una integrazione delle due Federazioni utile a consolidare la crescita della loro rappresentatività e a recuperare alcune difficoltà organizzative presenti in particolare sul territorio di Taranto. L’accorpamento si è poi concretizzato l’11 gennaio 2017 con la costituzione della Feneal Uil Brindisi-Taranto. Si è così realizzata una sinergica attività tra i due territori con particolare impegno sul versante ionico che in breve...
04/01/2019
Saranno i locali del cantiere della Metro C a Roma (via Claudia, angolo via Annia) ad ospitare la conferenza stampa di FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, in programma martedì 8 gennaio alle ore 12:30 e convocata per la mobilitazione del settore delle costruzioni. I tre segretari generali, Vito Panzarella, Franco Turri e Alessandro Genovesi, illustreranno ai giornalisti le iniziative in programma nei prossimi mesi, che culmineranno in una grande manifestazione nazionale, prevista nel mese di marzo. “Dal suo inizio la crisi – spiegano i tre sindacalisti – nel settore delle costruzioni ha comportato la perdita di 600 mila posti di lavoro, la scomparsa di 120 mila aziende (il 90% delle quali artigiane e di piccole dimensioni) e il collasso di grandi imprese e cooperative, con il conseguente blocco di importanti opere infrastrutturali. Già a partire da questi giorni sono previste iniziative sindacali in tutte le regioni sui temi del rilancio dei cantieri della grandi opere, della lotta al dissesto del territorio, della difesa delle professionalità e dell’occupazione delle grandi aziende del settore, della lotta all’illegalità e ai condoni per una ricostruzione di qualità”. Il cantiere della Metro C è attualmente il più grande d’Europa, uno dei pochissimi grandi cantieri attivi nella Capitale e in Italia.
30/12/2018
Luci ed ombre di un 2018 che certamente non è stato l’anno in cui si è usciti dalla crisi. Eppure anche in questo 2018 la Feneal Uil Puglia ha fatto la sua parte, dato sostegno ai lavoratori, avviandosi a chiudere con un saldo attivo in termini di proselitismo. Ma non basta, ovviamente. Esiste la forte consapevolezza che bisogna continuare a lavorare, muovendo nuovi passi avanti verso quel percorso comunque cominciato e che potrebbe portare finalmente fuori dal lungo e buio tunnel della crisi cominciata nell’ormai lontano 2008. Ne è un po’ l’esempio la vicenda Natuzzi. Tra alti e bassi, accordi sottoscritti e poi di fatto cestinati, promesse mancate e impegni non sempre mantenuti, negli ultimi giorni prima delle festività è stato sottoscritto l’ennesimo accordo che sembrerebbe aver posto fine a tutto il braccio di ferro giocato sulla pelle dei lavoratori. Un accordo che anche noi della Feneal – insieme a Filca e Fillea – non abbiamo esitato a definire “storico”; ebbene, adesso bisogna aggiungere che servono ulteriori chiarimenti, se è vero che si paventano tagli inattesi sui livelli più bassi. Del 2018 va sottolineato un dettaglio non di poca importanza: il fatto che Taranto abbia riavuto un suo ruolo di piena autonomia all’interno della Feneal riportando così a cinque le federazioni territoriali. Per il resto, ci sono gli auspici per il 2019: ad esempio che finalmente si riaprano quei cantieri inutilmente fermi da anni, se non da decenni. La riapertura dei cantieri dà lavoro certo e a lungo termine, oltre ad avviare indotto e dunque investimenti. Servirebbe un piano...
24/12/2018
“Siamo lontani da una ripresa vera”: è il lapidario commento che Franco Pappolla, segretario territoriale della Feneal Uil Bari, riserva al 2018. Un anno che ha registrato piccoli passi avanti rispetto alla situazione generalizzata di crisi che attraversa il settore edile, ma che allo stesso tempo non ha dato quell’impulso in avanti che sarebbe stato auspicabile. “I numeri dicono che comunque abbiamo mosso qualcosa – spiega Pappolla – se è vero che come Feneal territoriale ci siamo attestati a dicembre al 28.6% che in termini di proselitismo significa un 3% in più rispetto all’anno precedente”. Un discorso simile può essere fatto per la cassa edile, dove si è registrato lo stesso, identico incremento in termini percentuali, ma con alcuni distinguo: “In realtà questo 3% riguarda il monte salari – afferma il segretario – che però non corrisponde ad un incremento delle aziende, che sono sostanzialmente rimaste le stesse. In Edilcassa, invece, si può affermare che il sistema tiene, ma nulla a che vedere con la situazione prima della crisi del 2008”. Inevitabile, a questo punto, parlare del futuro: “Dal 2019 non sarebbe corretto aspettarsi un ‘boom’ – dice Pappolla – perché abbiamo il dovere di restare con i piedi per terra ed essere realisti. Vero è che abbiamo di fronte l’impegno della trattativa del contratto di secondo livello per Bari, che ovviamente affronteremo, e un orizzonte da cui il sole sorge con estrema lentezza. Per cui diciamo che una crescita la possiamo comunque ipotizzare, si tratterà di vedere in quale misura”. Infine, anche nel Barese ci si confronta con...
Condividi contenuti